giovedì 4 novembre 2010

knitting

.



.



.



.

Strange days, long days and long nights, not to much sleep, the little one with the flue (high fever for 5 days) and the rain outside. Sitting next to my sick daughter, hugging her, comforting her, trying to make her eat and drink...her being too sick to do anything. Looking her sleep, trying to make her feel better, without forgetting the older one, helping her to study, to get ready for school, and for me knitting projects in my hand, to finish work in progress, to experiment new idea, to help me stay centered and focused.


Giornate strane, giornate lunghe e notti brevi, poco sonno, la piccola con l'influenza (5 giorni con la febbre alta) e fuori la pioggia. Starle vicino, abbracciarla, confortarla, tentando di farla mangiare e bere...troppo malata per fare qualsiasi cosa. Guardarla dormire, tentare di farla stare meglio, senza dimenticarmi della maggiore, aiutarla nei compiti e nel prepararsi per la scuola, e per me progetti di maglia nelle mani, per finire lavori in corso, per sperimentare nuove cose, per aiutarmi a rimanere centrata e focalizzata.

16 commenti:

  1. Ciao Emma, so sorry to hear your little one is not feeling well. I hope she gets better very soon. I'm sending lots of healing and warm thoughts...

    RispondiElimina
  2. Ciao Emma, vedrai che la tua piccolina starà meglio molto presto. I bambini quando si ammalano diventano in un attimo degli straccetti, poi, però hanno un tempo di ripresa che ha dell'incredibile. Ed il week end appena trascorso è stato veramente lugubre...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. @Gabriela: grazie mille:):):) Un abbraccio Emma

    RispondiElimina
  4. mi spiace per la tua bimba! il mio proprio ieri si è beccato l'otite!! povero!!
    so quanto fa male quella dannata otite ^_^
    ora dorme, almeno di riposa un po'... e ora vado a prendere in mano i ferri anche io!!

    bacioni eli

    RispondiElimina
  5. Ciao Eli,
    ma povero cucciolo, l'otite è tremenda e molto dolorosa...povero cucciolo...
    vi abbraccio

    RispondiElimina
  6. Come ti capisco... quando sono loro a star male si perde la bussola e ogni cosa é confusa.
    Un abbraccio a tutte
    Vale

    RispondiElimina
  7. Ciao Vale,
    hai proprio ragione, hai usato le parole giuste..perdere la bussola...
    un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
  8. Ciao Emma, coraggio, i piccolini poi si riprendono presto. Quando mia figlia era una cucciola e aveva la febbre, stavo a vegliarla: borsa di ghiaccio sulla testa, frizioni con acqua molto fredda e alcool..Quando la febbre scendeva un pò, andavo a dormire, ma mi mettevo la sveglia ogni 2 ore xchè temevo di non sentirla se stava male. Siamo mamme e un pò chiocce...che male c'è a dare tutto il conforto possibile? Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Le notti accanto ad un bambino con la febbre sono lunghissime..siamo consapevoli che è una semplice influenza od un banale mal di pancia ma...
    però non ci crederai ma il mio maggiore ha 19 anni eppure, non ti dico che mi manchino, ma le ricordo con una sorta di "nostalgia"!
    con l'augurio che questa sia una notte più tranquilla
    Anna

    RispondiElimina
  10. @Viola: grazie di cuore. Hai ragione, la sensazione e il timore di non sentirli...e l'idea di dare loro tutto l'amore e tutto il conforto possibile è la sensazione di maternità nella sua essenza....
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  11. @Anna: grazie infinite, è vero, le notti sono lunghissime e l'alba sembra sempre un miraggio lontano...e posso anche immaginare che questi momenti in fuuro mancheranno, loro cresceranno, diventeranno a loro volta dei piccoli adulti...
    spero e credo anch'io che questa possa essere una notte più tranquilla, questa sera iniziava a stare meglio e oggi ha anche iniziato a mangiare qualcosa...
    grazie ancora di cuore Emma

    RispondiElimina
  12. Come sta la piccola? Passato?

    RispondiElimina
  13. So beautiful! I love your work.

    RispondiElimina