/* CSS Barra dei Cookie */ div#cookieChoiceInfo { background-color: #000 !important; color:#FFF; font-weight:bold; font-size:14px; font-family: Georgia; } #cookieChoiceInfo > a:nth-child(2),a#cookieChoiceDismiss { color: #FFF; background: #e50909; filter:progid:DXImageTransform.Microsoft.gradient(startColorstr='#fedede', endColorstr='#e50909',GradientType=0); text-align:center; padding:3px 12px; text-decoration:none; border-radius:8px; font-family:Georgia; font-size:14px; font-weight:bold;} #cookieChoiceInfo > a:nth-child(2):hover, a#cookieChoiceDismiss:hover { color:#FFF; text-decoration:none; position: relative; top:1px;left:1px; }

martedì 29 novembre 2011

Gauge matters - questioni di tensione


Gauge matters: gauge is very important, almost fundamental in knitting certain garments where ease and fit are so important. I have never met two persons with the same identical gauge. So many factors are involved while knitting: the type of needles, the material of which they are made, the type of fiber, how we hold our fingers, how we knit, and sometimes how we feel...this is important too, and
sometimes I don't have the same exact gauge in the same project.

And this is the beauty of an handmade garment:) The personality within the fiber we create:)
But I think that with time and experience we can understand the mysteries of guage and then just feel the potential gauge of the yarn and knit without a swap. I confess that when I knit for myself sometimes I don't make swaps, especially when I feel that urge to cast on...and I must do it right away. I also love to experiment and see what happens and then I might decide to make changes while I am knitting.

There was a time when I used to be stressed by gauge, now I feel more free to experiment.
Questioni di tensione: la tensione è molto importante, quasi fondamentale per realizzare certi capi dove la vestibilità e le misure sono molto importanti. Non ho mai incontrato due persone che avessero la stessa identica tensione. Così tanti fattori sono coinvolti: il tipo di ferri, il materiale con cui sono fatti, il tipo di fibra, come teniamo le dita, come lavoriamo e a volte anche il nostro umore...questo è anche importante e a volte anch'io non ho la stessa tensione nello stesso progetto.

E questa è la bellezza di un capo fatto a mano:) La personalità intrinseca del tessuto che stiamo creando:)

Credo anche che con l'esperienza e il tempo possiamo capire i misteri della tensione e quindi poi comprendere la potenziale tensione del filato e quindi iniziare a lavorare senza un campione. Confesso che quando realizzo capi per me stessa non faccio il campione, specialmente quando sento quell'urgenza irrefrenabile di avviare un lavoro...e devo farlo assolutamente subito. Amo anche sperimentare e vedere cosa succede e quindi poi posso fare delle scelte e delle modifiche mentre sto lavorando.

Un tempo ero più stressata dalla tensione, ora mi sento più libera di sperimentare.



9 commenti:

  1. Hai praticamente anticipato il mio argomento! hai presente il mio lavoro del WS?? bhe, stesse misure tue per taglia S, a me é venuta una XS!!! fortunamente c'é sempre la Martina che é felice di "riciclare" i miei errorri di tensione... :):)
    e fortuna che ho fatto scorta di filato perché ora é il caso che pensi al mio!!

    RispondiElimina
  2. Il mio primo lavoro in tondo era un cappello....una taglia 2 anni che una bimba di 9 mesi riesce a mettere a stento....forse in questo caso più che della tensione era colpa della mia inesperienza! ;-)

    RispondiElimina
  3. Io non riesco a capire quanti punti per i fingerless e per i colli, per quanti pochi ne metta, vengono sempre grandi, sgrunt!

    Per il Caponcho poi ho fatto meno ripetizioni di quelle previste altrimenti veniva un vestitino, per il lavoro del WS ora sono curiosa di vedere di che dimensioni viene :)))

    Cmq anch'io faccio il campione solo se strettamente necessario, ma ancora mi sento un po' in colpa, non sono ancora libera :)))

    RispondiElimina
  4. Ciao Valentina:))) I misteri misteriosi della tensione...sono felice per Martina, che ne sarà felice:)))) Ed è vero, anche tu hai bisogno del tuo coprispalle:)) Stesso colore? Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Carlotta: a volte succedono cose bizzarre con la tensione, a volte anche i filati sono particolari e hanno una loro personalità. :)))

    RispondiElimina
  6. Melian: sono curiosa di vedere il coprispalle del WS:)) Come procede?
    Il bello dei capi fatti a mano è proprio quello che possiamo personalizzarli a nostro piacimento:))

    RispondiElimina
  7. Il coprispalle l'ho finito ieri notte, ma mi è piccolo, non so ancora se lo fotograferò, devo decidere se disfarlo e rifarlo in una taglia più grande, la lana ce l'ho, o se regalarlo (ma non conosco nessuno della tsglia giusta), vedremo, per ora lo lascio lì.

    RispondiElimina
  8. per curiosità di che taglia è venuto?.....così giusto per chiedere ;-)

    RispondiElimina
  9. Small, una volta indossato non mi muovevo più :)))

    Dopo aver scritto il post mi è venuta una frenesia e l'ho disfatto, ora lo rifarò large così lo potrò mettere sopra cappotti, malgioni etc, stavolta ho chiesto un parere al marito che sarebbe stato un buon sarto in un altra vita :)))

    RispondiElimina